Il “plebiscito finanziario” di Sarkozy

Il “prestito nazionale” lanciato nel discorso tenuto al congresso di Versailles, un’abile manovra del presidente della repubblica francese Nicolas Sarkozy per conservare il consenso dei ceti medi di fronte alla crisi economica.
L’economia politica populista: compensare la perdita di potere d’acquisto dei salari con il miraggio della rendita popolare

Liberazione 25 giugno 2009

Paolo Persichetti

Un «plebiscito finanziario», è questo il vero obiettivo che, secondo i critici, il presidente della repubblica francese Nicolas Sarkozy starebbe cercando dietro l’annuncio di un prestito nazionale fatto durante il discorso tenuto di fronte alle camere riunite nella regia di Versailles. La costituzione francese vieta al capo dello Stato l’ingresso in Parlamento, memore di quanto avvenuto ai tempi di Luigi Napoleone Bonaparte che, dopo l’elezione presidenziale, s’impadronì del potere instaurando un regime autocratico. Anche la costituzione italiana ha ereditato questa norma antiplebiscitaria, consentendo al presidente della repubblica soltanto l’invio di messaggi scritti alle assemblee parlamentari. Per aggirare questo divieto, Sarkozy ha pensato bene di convocare senatori e deputati nella sala del Congresso. Cerimonia fastosa, prevista solo in caso di modifiche alla costituzione. Inusuale dunque la scelta del presidente francese, che con questo atto volutamente simbolico ha cercato in tutti i modi di sottolineare la vocazione bonapartista-plebiscitaria attribuita al suo mandato.L’onnipresenza dell’«ego-presidente», come è definito dalla stampa avversaria, calca con forza i toni populisti,  e affronta la sfida della demagogia per finanziare il deficit pubblico, dopo che il ministro del Bilancio, Eric Woerth, ha definitivamente seppellito gli angusti parametri di Maastricht. Secondo le previsioni, infatti, Il deficit francese si attesterà alla fine del 2009 tra il 7% e 7,5% del Pil. Un tetto che tutti gli indicatori economici confermano anche per il 2010. Più del doppio di quanto previsto dai dogmi che hanno ispirato l’ortodossia monetarista del trattato di Maastricht. Il deficit pubblico può innescare un meccanismo virtuoso, hanno già spiegato Keynes e dimostrato i «trenta gloriosi». Ma la politica economica del governo Sarkozy può essere sospettata d’eresia keynesiana? Oppure la travolgente crisi economico-finanziaria impone di fare di necessità virtù?
Le polemiche, che dopo l’enfatico annuncio del presidente francese traversano il mondo politico e quello degli analisti, vertono proprio sulla qualità del deficit (finanziare la spesa corrente o investire su infrastrutture, reti digitali, economia della conoscenza?) e sulle modalità di finanziamento. La scelta del prestito, per altro non nuova nella storia del dopoguerra (vi hanno fatto ricorso, aggravando pesantemente le casse dello Stato, Pinay, Giscard e Balladur), è ritenuta da molti osservatori la più inadeguata sul piano economico. Per sostenere il debito ogni Stato interviene quotidianamente, e con discrezione, sui mercati finanziari. L’annuncio di un prestito nazionale, soprattutto se aperto ai risparmi delle famiglie, offre in realtà minori vantaggi economici. Per invogliare i piccoli risparmiatori è necessario ricorrere a tassi d’interesse onerosi rispetto a quelli reperibili sul mercato internazionale. Altri rilevano che il vantaggio immediato verrà ripagato con un sovrapprezzo d’imposta in futuro. Da qui l’accusa di «promozione politica» rivolta contro Sarkozy. Più prudente, la ministra dell’economia Lagarde ha auspicato un «prestito misto». Con questa operazione l’Eliseo cerca d’imbonirsi il ceto medio colpito dalla crisi, offrendo il miraggio della rendita popolare per compensare redditi che perdono potere d’acquisito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...