Rapporto Caritas–Migrantes: «L’Italia è sempre più multietnica»

Lavoro, sindacato e scuola vettori d’integrazione

Paolo Persichetti
Liberazione 29 ottobre 2009

banner-pres2009-a

L’Italia è sempre più multietnica. Questa è la prima buona notizia che emerge dal rapporto Caritas-Migrantes presentato ieri. Spulciando il voluminoso dossier numerosi sono i dati che smentiscono pregiudizi e luoghi comuni sulla presenza dei migranti nel nostro Paese. Si contano circa quattro milioni e mezzo d’immigrati regolari, il 7,2 % dell’intera popolazione. Una cifra quasi raddoppiata nel giro di nemmeno quattro anni, grazie anche ai ricongiungimenti familiari. La percentuale delle presenze cresce se rapportata alle fasce d’età più giovani. Si arriva al 10% se si prende in considerazione la categoria dei minori e persone fino ai 39 anni. Più di un quinto della popolazione immigrata è costituito da minori (862.453 mila). Insomma una popolazione giovane, attiva, in piena capacità riproduttiva. L’età media degli stranieri è di ben 12 anni più bassa degli italiani, 31 anni contro 43. Quanto di meglio può augurarsi un Paese come il nostro, dal tasso di fertilità declinante, che vede la sua popolazione ingrigirsi. Insomma è grazie all’apporto delle popolazioni migranti che l’Italia può costruire il suo futuro. Da queste cifre derivano una serie di conseguenze importanti che ridisegnano la nostra geografia sociale e culturale. Secondo il dossier gli immigrati sono quasi un decimo degli occupati e contribuiscono per una quota analoga alla produzione di ricchezza, 9,5 di Pil. Ma attenzione, non “rubano” il lavoro ai nazionali, come la propaganda disinformata e fuorviante della destra e dei leghisti va raccontando. Il dato va correlato con la fascia d’età. In sostanza, i migranti occupano posti di lavoro dove manca manodopera italiana a causa anche del deficit di natalità (il tasso di attività, infatti, è superiore di 11 punti alla media nazionale). Il risvolto è anche l’alto tasso di sfruttamento cui sono sottoposti per la loro posizione d’origine, fragile e discriminata sul piano dei diritti (frequenti sono gli episodi di razzismo nei luoghi di lavoro). Condizione che li porta ad accettare un’ampia gamma di lavori nei settori meno appetibili e con qualifiche di basso livello. Realtà che li rende tra i più esposti a condizioni di rischio (143.651 infortuni soltanto nel 2008, dei quali 176 mortali). C’è però una novità importante. I circa due milioni lavoratori stranieri non accettano più supinamente questa condizione d’inferiorizzazione e così nel frattempo quasi un milione di loro si è sindacalizzato. Si tratta di un dato strategico che in prospettiva renderà multietnica la contraddizione capitale-lavoro. I due elementi tenderanno a sovrapporsi obbligando a pensare una nuova grammatica dei conflitti del lavoro. L’altro dato strategico è l’incremento del tasso di scolarizzazione dei figli d’immigrati, 7% del totale. 1 ogni 6 è romeno, 1 ogni 7 albanese, 1 ogni 8 marocchino. Tra questi almeno 4 su 10 sono nati in Italia, ben 7 su 10 sono alla materna. Nonostante l’arsenale di leggi xenofobe, la spinta dal basso alla conquista di un radicamento sociale di fatto sembra inarrestabile, grazie appunto al lavoro, la lotta sindacale e la scuola. Crescono i matrimoni misti, le condotte laiche, le ragazze puntano all’emancipazione economica individuale. Infine le cosiddette emergenze mediatiche alla resa dei conti si afflosciano: dagli sbarchi arriva meno dell’1% delle presenze regolari. Solo il 10% nell’ultimo anno. Quanto all’allarme criminalità è pura invenzione. Il numero delle denunce penali è fermo a quello di 19 anni fa. Non servono pacchetti sicurezza ma pacchetti integrazione, come ha dichiarato Monsignor Schettino, presidente della fondazione Migrantes alla presentazione del dossier. Il nostro Paese non ha mai avuto una vera politica migratoria.

Link
Ponte Galeria, migranti in rivolta salgono sui tetti
Il nuovo lavoro schiavile
Dopo i fatti di Rosarno manifestazione di protesta al Cie di Crotone
Italia-Libia, quando l’immigrazione è un affare di Stato
Camicie verdi di ieri, ronde di oggi
Le ronde non fanno primavera
Aggressioni xenofobe al Trullo
Razzismo a Tor Bellamonaca, agguato contro un migrante
I dannati della nostra terra
Sans papiers impiegati per costruire Cpt
Le figure del paria indizio e sintomo delle promesse incompiute dall’universalità dei diritti
Elogio della miscredenza
La lunga notte di Parigi dove la Cgt da l’assalto ai migranti
Parigi, la Cgt sgombera la bourse du travail occupata dai migranti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...