Il razzismo anticinese di Saviano. L’Associna protesta

La storia dei cinesi morti che piovono da un container
 nel porto di Napoli raccontata da Roberto Saviano nelle pagine che aprono Gomorra è falsa. Si tratta di una delle tante legende metropolitane dal sapore razzista che circolano in Europa sulle comunità cinesi

Associna 30 dicembre 2006

Gomorra, quando per fare affermazioni gravi sui cinesi le prove sono facoltative 



«I portelloni mal chiusi si aprirono di scatto e iniziarono a piovere decine di corpi. Uscivano dai container uomini e donne. Morti. Erano i cinesi che non muoiono mai».

«Il container dondolava mentre la gru lo spostava sulla nave. Come se stesse galleggiando nell’aria, lo sprider, il meccanismo che aggancia il container alla gru, non riusciva a dominare il movimento. I portelloni mal chiusi si aprirono di scatto e iniziarono a piovere decine di corpi. Sembravano manichini. Ma a terra le teste si spaccavano come fossero crani veri. Ed erano crani. Uscivano dal container uomini e donne. Anche qualche ragazzo. Morti. Congelati, tutti raccolti, l’uno sull’altro. In fila, stipati come aringhe in scatola. Erano i cinesi che non muoiono mai. Gli eterni che si passano i documenti l’uno con l’altro. Ecco dove erano finiti. I corpi che le fantasie più spinte immaginavano cucinati nei ristoranti, sotterrati negli orti d’intorno alle fabbriche, gettati nella bocca del Vesuvio. Erano lì. Ne cadevano a decine dal container, con il nome appuntato su un cartellino annodato a un laccetto intorno al collo. Avevano tutti messo da parte i soldi per farsi seppellire nelle loro città in Cina. Si facevano trattenere una percentuale dal salario, in cambio avevano garantito un viaggio di ritorno, una volta morti. Uno spazio in un container e un buco in qualche pezzo di terra cinese. Quando il gruista del porto mi raccontò la cosa, si mise le mani in faccia e continuava a guardarmi attraverso lo spazio tra le dita …
… Aveva soltanto fatto toccare terra al container, e decine di persone comparse dal nulla avevano rimesso dentro tutti e con una pompa ripulito i resti. Era così che andavano le cose».

Questo testo è tratto dalle prime pagine di Gomorra, libro scritto da Roberto Saviano riguardo alla criminalità organizzata napoletana. 
Il libro ci ha positivamente colpito per la profondità d’analisi dell’autore, della sua bravura nell’esternare sfacettature complesse della realtà partenopea e del suo coraggio nello scriverlo. 

Il primo capitolo però ci ha urtato molto. Non conosciamo il motivo per cui Roberto Saviano abbia voluto iniziare il suo libro con i crani fracassati, le trattenute degli stipendi dei lavoratori cinesi per scavarsi una fossa in Cina, le “etichettature” dei corpi cadenti etc..

.
Non capiamo perchè ogni volta che si debba parlare dei cinesi, anche delle questioni umanamente più gravi, ci si basi spesso e volentieri sul sentito dire, in questo caso del gruista del porto.
L’autore, lungo tutto il libro, si riferisce continuamente alle indagini ufficiali ed alla propria testimonianza diretta. Riguardo ai cinesi però parla delle decine di persone che sono intervenute per ripulire i cadaveri di adulti e ragazzini caduti accidentalmente dai container, parla del riciclaggio di documenti dei defunti a favore di altri connazioni che ne sono sprovvisti, parla di fatti assai gravi e surreali senza però alcun riferimento a fatti oggettivi. Sono congetture che meriterebbero delle indagini più approfondite prima di essere esternate in un libro serio, se non altro per il rispetto della dignità del prossimo.

 Li vorremmo proprio in galera questi ipotetici trafficanti di cadaveri. Chi sono coloro che hanno interesse nel nascondere questa tratta? I cinesi? Abbiamo così tanto influenza e potere al porto di Napoli da far apparire dal nulla decine di uomini che nascondono diligentemente un fatto così cruento? Chi sono coloro che riescono a trattare i propri cari in questo modo? Chi sono coloro che trattengono gli stipendi?
 E soprattutto, chi sono coloro che non sanno che la legislazione cinese a riguardo del trasporto dei corpi è estremamente ferrea?
Lo sanno che in Cina è obbligatoria la cremazione e trasportare dei corpi non cremati è un’impresa che comporta gravissimi rischi non solo morali ma anche legali? 

Il libro ha liquidato la questione in un paio di pagine, e queste domande probabilmente non se l’è proprio poste. Crediamo che sia veramente vergognoso parlare di un argomento così toccante come la morte in questo modo. 

L’autore ha grande sensibilità e conoscenza della realtà napoletana, ma sembra essere molto carente riguardo a quella della comunità cinese.
 Mostra una bassa tolleranza verso i cinesi citando il loro fetore di involtini di primavera putrefatti e il fatto che si siano attribuiti dei nomi italiani, ma è molto più tollerante ad esempio verso il ragazzino napoletano che rapinava le coppiette. Non siamo contro le varie sfumature della realtà decriptata dalla sensibilità dell’autore sulla situazione napoletana, sfumature umane che fanno riflettere, siamo contro la sua insensibilità verso i cinesi di cui conosce veramente poco e in modo superficiale.
Queste parole senza fondamento di Roberto Saviano sono esternazioni che fanno male alla convivenza fra le due comunità in Italia, fanno male soprattutto ai ragazzi cinesi che nascono e crescono in Italia, abituati ad una “vita italiana” nella quale sono pienamente integrati, dove però devono subire queste “bastonate” che spesso creano generalizzazioni e luoghi comuni. Si creano così conflitti contro i “diversi” che non sono affatto diversi, si coltivano delle future generazione rancorose per il peso delle dicerie che devono portarsi dietro solo perché “colpevoli” di avere origini cinesi, colpe inesistenti create da subdole affermazioni come quelle riportate nel primo capitolo di Gomorra.

Articoli correlati
Saviano e il brigatista
Il razzismo anticinese di Saviano. L’Associna protesta
La denuncia del settimanale albanese: “Saviano copia e pure male”
Il paradigma orwelliano impiegato da Roberto Saviano
Saviano in difficolta dopo la polemica su Benedetto Croce
Marta Herling: “Su Croce Saviano inventa storie”
Saviano, prime crepe nel fronte giustizialista che lo sostiene

Ma dove vuole portarci Saviano
Il ruolo di Saviano. Considerazioni dopo la partecipazione a “Vieni via con me”
Pg Battista: “Come ragalare un eroe agli avversari. Gli errori della destra nel caso Saviano”
Non c’è verità storica: il Centro Peppino Impastato diffida l’ultimo libro di Roberto Saviano
Diffida e atto di messa in mora. Rettifica libro “La parola contro la camorra” di Roberto Saviano
Castelvolturno, posata una stele per ricordare la strage di camorra ma Saviano non c’era e il sindaco era contro
Alla destra postfascista Saviano piace da morire
Populismo penale

Il diritto di criticare l’icona Saviano
La libertà negata di criticare Saviano
Saviano, l’idolo infranto
Pagliuzze, travi ed eroi
Attenti, Saviano è di destra, criticarlo serve alla sinistra

Buttafuoco, “Saviano agita valori e codici di destra, non regaliamo alla sinistra”

 

Annunci

One thought on “Il razzismo anticinese di Saviano. L’Associna protesta

  1. Saviano trova eroismo nel proporsi anticinese. Ne prende una dozzina precipitata nel porto e ne canta nenie. Canta Savi-ano e non vede “dietro” tanti cinesi che scompongono la sua Savi-saggezza dal rimanente “ano”. Savi-ano ma cambia nome. Comunica il cambiamento ai tuoi lauti elargitori di prebende ………… chissà poi perchè pagano tanto un Nekrassov anticinese?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...