Francia, vincono le astensioni, crolla il Ps tallonato dai verdi di Cohn-Bendit

La destra presidenziale confermata primo partito, battuta d’arresto per l’Npa

Paolo Persichetti

Liberazione 9 giugno 2009

Chi ha vinto le elezioni francesi? Se dovessimo considerare soltanto la legge dei numeri non ci sarebbero dubbi, hanno vinto le astensioni. Ben 59,36%, superiori alla media record europea che ha raggiunto il 58,15%. Alle presidenziali del 2007 la partecipazione al voto aveva superato l’80%. Questo divario rende perfettamente la percezione di separatezza che le istituzioni europee trasmettono, non solo ai francesi. Secondo le analisi fornite dalla Sofres, lo sciopero del voto avrebbe riguardato il 69% degli operai, il 66% degli impiegati e il 70% delle fasce giovanili. Notevole il disimpegno registrato anche tra artigiani, commercianti e titolari d’impresa, 77%. OFRTP-COHN-BENDIT-EUROPE-ECOLOGIE-20090603 La minoranza di francesi che si è recata alle urne, appena il 40,48%, ha confermato come prima forza l’Ump, il partito del presidente della repubblica Nicola Sarkozy, con il 27,8% dei suffragi. Non si tratta di un successo, anzi la compagine presidenziale segnala una flessione rispetto al 31% raggiunto al primo turno delle elezioni politiche di due anni fa, ma di una sostanziale tenuta che diventa vittoria politica per ko tecnico di fronte al crollo del voto socialista, il grande sconfitto di questa tornata elettorale, che precipita al 16,4%. La maggiore affermazione politica è venuta invece da Europe Ecologie con il 16,2%, un risultato che appaia di fatto quello del Ps. Secondo Rémy Lefebvre, professore di scienze politiche all’università di Lille, la tenuta dell’Ump, e l’affermazione degli ecologisti guidati da Daniel Cohn-Bendit, si spiega grazie alla mobilitazione dell’elettorato più anziano, per la destra presidenziale, e dei bobos, che sta per borghesi-bohémien (strati più alti dei ceti medi urbani e intellettuali, con propensioni culturali edonistico-libertarie), per gli ecologisti. La vittoria di questo cartello elettorale creato ad hoc segnala un drastico movimento d’umore dell’elettorato socialista stanco delle lotte intestine nel Ps. Ma ora Cohn-Bendit deve dimostrare che non si tratta di un’aggregazione di circostanza, costruita grazie al suo fiuto politico cavalcando da sinistra un po’ di antipolitica con la candidatura del magistrato anticorruzione Eva Joly, e mettendo assieme personaggi ultramediatici ma assai distanti tra loro, come Jose Bové, l’ex portavoce di Greenpeace Yannick Jadot e l’animatore televisivo Nicola Hulot. I centristi cattolici del Modem di François Bayrou, che aspiravano a superare la soglia del 10% fagocitando il voto moderato, hanno perso il ruolo di terza forza attestandosi all’8,4%. Affermazione singolare del neopartito transnazionale Libertas (6,7%), formazione fondata di recente in Irlanda dal miliardario Declan Ganley, presente anche in Germania e repubblica Ceca. Ha intercettato il tradizionale voto euroscettico radicato nella destra antimoderna del barone De Villiers.
Il Fronte nazionale di Le Pen resiste e supera il quorum che gli consente di avere i seggi al parlamento.
Infine il Front de gauche, l’alleanza Pcf-parti de la Gauche e dissidenti trozkisti (6,05%), vince il duello a sinistra con il Nuovo partito anticapitalista, che si ferma al 4,9% fortemente penalizzato dalla bassa mobilitazione dell’elettorato giovanile. Il 73% delle persone che hanno votato il candidato dell’Npa al primo turno delle presidenziali del 2007 non ha partecipato allo scrutinio. Jean-Luc Mélenchon uscito dal Ps prima dell’ultimo congresso ha rimobilitato l’elettorato del Pcf, risucchiato i voti delle correnti della sinistra socialista e dei sovranisti di sinistra. Senza nemmeno un seggio, il progetto dell’Npa subisce una secca battuta d’arresto. Basterà a giustificare tutto ciò la scarsa propensione al voto europeo del precariato giovanile? O forse va rivista la strategia, riaprendo alla possibilità di alleanze, anche solo elettorali? Pur ammettendo la delusione e la beffa di un semplice 0,1% che non ha permesso di oltrepassare il quorum, alla sede nazionale del movimento guidato da Besancenot, le prime reazioni sembravano voler confermare la linea sin qui seguita.

Link
Il nuovo partito anticapitalista
L’empasse del Pcf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...