Fincantieri vuole tenersi metà dei soldi degli operai

La Fiom abbandona la trattativa. Oggi incontro con il ministro Scajola

Paolo Persichetti
Liberazione
18 dicembre 2009


Le mobilitazioni di questi giorni un risultato minimo lo hanno strappato. Fincantieri ha reso noto che alle maestranze verrà corrisposto entro dicembre metà del premio di produzione stabilito questa estate. 300 euro per i lavoratori diretti, e i 210 per quelli indiretti, verranno erogati ai dipendenti dei cantieri di Ancona, Sestri Ponente e Muggiano a cui inizialmente l’azienda aveva detto no. C’è un problema però: mentre i sindacati, nel corso della lunga trattativa di mercoledì scorso, protrattasi oltre la mezzanotte, avevano proposto questa somma a titolo di anticipo dell’intera somma pattuita questa estate; l’azienda si è detta favorevole solo a condizione di una rinuncia da parte sindacale alla pretesa certa della erogazione a fine gennaio del conguaglio restante, cioè degli altri 450 euro lordi. Insomma, «pigliatevi questi 300 euro e finiamola qui, al massimo se ne riparlerà nel 2010, sempre che siate buoni!». E’ stato più o meno questo il senso della risposta dei vertici di Fincantieri, pronti a rimangiarsi l’accordo siglato il 16 luglio. A questo punto, mentre Fim e Uilm, si accontentavano di quel che passava il convento, la Fiom ha deciso di abbandonare il tavolo. In un secco comunicato diffuso ieri, i metalmeccanici della Cgil hanno denunciato la «Pretesa inaccettabile in termini di principio e di fatto» che viola i termini di un accordo liberamente sottoscritto dalla direzione. Comportamento che – sempre secondo la Fiom – «incrina l’intero sistema delle relazioni industriali del Gruppo». Uno strappo senza precedenti nella storia sindacale di Fincantieri. Si pone a questo punto – sottolinea ancora il comunicato di corso Trieste – «la necessità di un chiarimento di fondo con l’Azienda». Questione che verrà posta durante l’incontro di oggi con il ministro dello sviluppo economico Scajola. A dimostrazione che il rispetto degli accordi di luglio non è una pretesa infondata, c’è stato il riconoscimento da parte dell’armatore della Silver Spirit, proprietario della nave crociera di extralusso bloccata ad Ancona, di riconoscere agli operai un premio di 60 mila euro e di commissionare una seconda nave, qualora la trattativa in corso andasse a buon fine. Smentita flagrante degli argomenti avanzati dalla Fincantieri per rifiutare l’esborso del premio di produzione. La Silver Spirit ha così lasciato gli ormeggi a fine mattinata. Sono in molti a esser convinti che dietro questa strategia di rottura della Fincantieri vi sia la volontà di mettere nell’angolo la componente operaia più combattiva e rappresentativa che ha giocato un ruolo centrale nella trattativa di luglio in vista della dismissione di alcuni cantieri, quelli liguri e di Ancona, in ragione di un criterio che di economico a ben poco: la «preferenza padana».

Link
Fincantieri, blocco dei cantieri in Liguria e Ancona
Cronache operaie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...