La storia della nascita del giustizialismo, da mani pulite ai populisti passando per i girotondi

Breve storia del giustizialismo

Schermata 2020-02-13 alle 09.17.36

Paolo Persichetti, Il Riformista 12 febbraio 2020

È con il referendum del 1987 sulla responsabilità civile dei magistrati che l’azione della magistratura si impone come uno dei temi centrali della lotta politica. Dopo un decennio di consenso pressoché unanime attorno alla gestione della “emergenza giudiziaria” contro i movimenti sociali e i gruppi della sinistra rivoluzionaria armata, il protagonismo raggiunto dal sistema giudiziario comincia a essere messo in discussione. Il “caso Tortora” incrina l’unanimità del sistema politico di fronte a un’azione penale che era andata oltre la delega ricevuta oltrepassando i binari della sola repressione dei gruppi antisistema. Tuttavia questi tentativi di contrasto non indeboliscono la magistratura che, trovando una solida sponda in una parte del sistema politico (il Pci), può accrescere il proprio bagaglio di legittimità sociale erigendosi a unica istituzione integra del Paese, dopo il rovinoso effetto domino provocato dalla caduta del muro di Berlino sulle fondamenta della Prima Repubblica. Non a caso la centralità dell’azione penale si afferma definitivamente nel decennio successivo con l’avvio del ciclo d’inchieste denominate “Mani pulite”, per restare nel ventennio che segue il perno attorno al quale ruota l’agenda politico-istituzionale e si mobilitano i repertori ideologici delle nuove formazioni politiche populiste che si succedono nel frattempo: Lega, Girotondi, Idv, Popolo Viola, Rivoluzione civile, Fratelli d’Italia, M5s.

Giudiziarizzazione della società
Per descrivere questa nuova realtà fu coniato un neologismo, giudiziarizzazione, un fenomeno descritto da autori come Neal Tate e Torbjorn Vallinder in un volume del 1995 che ha fatto scuola, The Global Expansion of Judicial Power, poi divulgato in Europa dai lavori di Antoine Garapon e Denis Salas. Le radici italiane della giudiziarizzazione risalgono agli anni 60, quando le porte della magistratura si aprono a ceti sociali prima esclusi favorendo lo svecchiamento della cultura giuridica. Fu allora che si mise in discussione la mancata applicazione di buona parte del dettato costituzionale, congelato da una sentenza della Corte di Cassazione negli anni in cui questa svolgeva il ruolo di supplenza della Consulta non ancora istituita. La Suprema Corte aveva suddiviso la costituzione in norme immediatamente attuabili e norme programmatiche che il legislatore avrebbe dovuto completare successivamente. Tra queste ultime si trovavano le parti a più alto contenuto innovativo in materia economico-sociale e dei diritti.

Per modificare questa situazione la corrente di sinistra della magistratura cominciò a elaborare la cosiddetta “teoria dell’interferenza”, attraverso la quale – racconta Giovanni Palombarini nel suo Giudici a sinistra, 2000 – si cerca di ripristinare la completezza del dettato costituzionale attraverso un uso dell’interpretazione e delle fonti che riconosce un carattere immediatamente normativo a tutta la Costituzione. Il reintegro del dettato costituzionale con gli strumenti della “creazione giuridica”, di fronte all’inerzia o al sabotaggio legislativo della politica, fa emergere una innovativa concezione del ruolo del magistrato come “guardiano della Costituzione”: non più mero organo burocratico asservito alle gerarchie dello Stato-apparato ma «soggetto istituzionale indipendente, operante come momento di raccordo fra lo Stato e la società civile». Questa nuova funzione interventista, contrapposta alla vecchia immagine conservatrice della casta preposta a funzioni di tutela degli interessi più forti e di salvaguardia dell’ideologia dominante, raggiunge la sua maturità intorno alla metà degli anni Settanta.

La repressione emancipatrice
È questo il decennio in cui si afferma il singolare ossimoro ideologico della repressione emancipatrice, il magistrato si autopromuove avanguardia politica che interpreta i bisogni della società civile, demistifica valori e privilegi delle classi dominanti, tutela dagli abusi i ceti meno abbienti e lavora alla realizzazione di una via giudiziaria per la costruzione di una società più giusta. Il vecchio rivoluzionario di professione passa alla professione di magistrato, una contraddizione in termini che ripristina forme di Stato etico e di moralismo giudiziario, per giunta portando a invertire il rapporto tra costituzione materiale e costituzione legale, tale da indurre a credere – per esempio – che lo Statuto dei lavoratori fosse il risultato dell’azione dei «pretori d’assalto» e non delle lotte operaie.

Nella seconda parte degli anni Settanta, di fronte alla contraddizione introdotta dalla spinta sociale dei movimenti rivoluzionari, si esaurisce la battaglia protesa ad abolire la sopravvivenza di leggi e codici arcaici ereditati dal vecchio Statuto albertino o fascista per sostituirli con le norme inattuate della Costituzione. Si sgretola il terreno della difesa dei diritti, delle garanzie e degli obiettivi di innovazione sociale a tutto vantaggio di una rivalorizzazione e di un ulteriore inasprimento della normativa fascista, che sanziona i reati politici e sottopone a uno Stato di polizia le libertà pubbliche.  Per l’originaria concezione critica e garantista della funzione giurisprudenziale suona il de profundis, come aveva spiegato Luciano Violante, magistrato passato alla politica, sull’Unità del 27 settembre 1979: «La giurisprudenza alternativa poteva di per sé avere un significato di rottura dieci anni fa; ma oggi?».

La delega totale che il mondo politico aveva concesso alla magistratura per liquidare militarmente la dissidenza dei movimenti più radicali, porta all’affermazione del “giudice sceriffo”. Negli anni Novanta il processo di legittimazione sociale che investe una magistratura sempre più combattente, uscita dai tribunali e scesa – come i generali golpisti – nelle piazze, nei posti di lavoro, nelle scuole, fa affiorare la percezione degli enormi spazi che l’azione penale può aprire davanti a sé. Prende forma la teoria della supplenza «del potere giudiziario, in caso di assenza o di carenze del legislativo», che rivendica per sé un ruolo politico decisivo e una competenza illimitata che mina i parametri classici della tripartizione dei poteri. Si chiude così la parabola avviata decenni prima. Di fronte al richiamo della statualità l’originario impianto della teoria dell’interferenza escogitato con iniziali intenti progressisti si risolve nel suo contrario: un efficiente apparato concettuale impiegato per definire modelli di regolazione disciplinare della società.

Foibe, le vittime forti cancellano quelle deboli

Con la proclamazione della giornate in ricordo delle foibe e delle vittime del terrorismo il conflitto tra storia e memoria ha raggiunto un punto estremo. Il sopravanzare della seconda sulla prima, la costruzione di una memoria pubblica, anzi di Stato, nonostante per definizione essa non può che essere singolare, parziale e soggettiva, ha visto emergere una nuova figura di testimone, fuoriuscita dal processo di selezione che la figura del testimone ha subito, al punto da lasciare sullo sfondo tutti gli altri attori della storia a vantaggio di uno solo di essi, divenuto l’unico testimone legittimo, sancito per legge, il testimone che assume la postura sofferente: la vittima. Non tutte le vittime però, ma solo quelle che si vedono riconosciuto l’accesso a questo status, la vittima forte che cancella quelle deboli

7150UK099HL«In primo luogo la memoria, l’ossesione della memoria. Il dovere, addirittura, della memoria, un termine che nel nostro spirito pubblico aspira a spodestare, come ha notato Enzo Traverso, il suo gemello/antagonista storia. Rispetto alla storia, la memoria è soggettiva, intima, vissuta, non negoziabile, autentica se non vera a prescindere: assoluta proprio perché relativa. Configura un rapporto col passato di tipo inevitabilmente proprietario: il mio, il nostro passato.
La memoria non si scrive senza pronomi e aggettivi personali. Al suo centro, il testimone; e testimone per eccellenza è oggi chi reca iscritto in sé, nel corpo prima ancora che nella mente, il peso dei processi da cui è stato affetto: la vittima, dunque. Vera protagonista del passato è la soggettività sofferente, cui le istituzioni attribuiscono volentieri il crisma dell’eticità di Stato, istituendola a oggetto di celebrazione pubblica avente forza di legge: il “Giorno della Memoria” (27 gennaio, commemorazione delle vittime della Shoah); il “Giorno del Ricordo” (10 febbraio, in onore delle vittime delle foibe); la “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie” (21 marzo); il “Giorno della Memoria dedicato alle vittime del terrorismo interno e internazionale, e delle stragi di tale matrice” (9 maggio, anniversario dell’omicidio Moro).
Sinistro cortocircuito, che isola gli eventi dalla catena del loro accadere, li ipostatizza in valori invece di spiegarli come fatti, e in tal modo invalida anche il proposito di elevarli a monito perché ciò che è accaduto non accada di nuovo: non chi non ricorda, ma chi non capisce il passato è condannato a ripeterlo».

Pagine 16-17

Ulteriori letture sull’argomento

Il paradigma vittimario

Argentina, ecco le foto inedite dei voli della morte

12-5 pág 224 copia

LA GUACAMAYA ROJA, 25 gennaio 2020

Di recente sono state rese pubbliche immagini che testimoniano i cosiddetti voli della morte compiuti dall’ESMA. Questi documenti si aggiungono alle testimonianze, come quella di Adolfo Scilingo, ex capitano di questi voli, che da giorni si aggira libero per le strade di Madrid.
Nel 2011, la Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR) ha fornito per la prima volta 130 immagini che supportano le testimonianze del maxi processo “i voli della morte” (Vedi qui http://sitiosdememoria.uy/recurso/266).
Tutto è iniziato nel 2011, quando il giudice federale Sergio Torres, incaricato di investigare sui crimini commessi dall’ESMA, si è recato negli Stati Uniti per consultare la documentazione del fascicolo relativo all´IACHR, in particolare quello legato alla visita di tale agenzia in Argentina nel 1979. C’erano più di trenta faldoni che sembravano non essere stati più aperti da allora. Il giudice li ha esaminati uno ad uno ed è lì che ha trovato una cartella gialla con un centinaio di fotografie che accompagnavano i rapporti su corpi apparsi, da quel che sembra, tra il 1976 e il 1978, nei pressi di diverse città lungo la costa del vicino Uruguay: Colonia, Carmelo, José Ignacio, Balizas, Laguna de Rocha, Laguna de Garzón, Piriápolis, Solana del Mar, La Paloma.
Il materiale proviene dai documenti redatti da Daniel Rey Piuma, un marinaio che disertò nel 1980 e rese pubbliche le relazioni fatte dai servizi di intelligence e dagli agenti di polizia.
Le immagini sono agghiaccianti. Appare il corpo di una donna, con le unghie smaltate e i segni di stupro. È stato trovato a Laguna de Rocha, che sbocca sul mare, in Uruguay, il 22 aprile 1976. Un’altra donna aveva un documento di identità tra i suoi vestiti, che riportava la data di nascita, 1954. Nelle tasche degli abiti indosso ad alcuni corpi c´erano monete e banconote di quel tempo in Argentina.
La prova inconfutabile dei “voli della morte” è venuta alla luce nel 2005, quando l’équipe di antropologia forense argentina (EAAF) ha identificato i corpi apparsi nel 1977 sulla costa di Buenos Aires. Si trattava della fondatrice delle Madri di Plaza de Mayo, Azucena Villaflor de Devincenti, delle sue compagne Esther Ballestrino de Careaga, Esther Ballestrino de Careaga e Angela Aguad, e della suora francese Leonie Duquet, rapita tra l’8 e il 10 dicembre. I corpi apparvero sei giorni dopo il sequestro sulle spiagge di Santa Teresita, trascinati dalla corrente, e furono sepolti come NN nel cimitero General Lavalle.

Dichiarazione di Scilingo
Nel 1995, Scilingo confessa al giornalista Horacio Verbitsky di aver partecipato e di essere il responsabile di due voli in cui furono gettate vive nel vuoto 30 persone. È la prima testimonianza di un repressore dopo la dittatura. Scilingo descrive i suoi atti come «cose peggiori dei nazisti».
La parola di Scilingo avviene in un contesto avverso al recupero della memoria, fissato da due leggi: Ley del Punto final (anche detta “Estinzione dell’azione penale”) e Ley de obediencia devida (Legge dell´obbedienza dovuta).
Nella sua testimonianza racconta anche degli elenchi di coloro che si appropriarono dei figli delle detenute desaparecidas in stato di gravidanza. E riferisce anche il fatto che membri della chiesa li consegnassero ai carnefici.
Negli incontri con Verbitsky, il repressore ha fornito dettagli su come funzionavano questi voli.
Nel 1998 Scilingo ritratta la sua confessione. Pinochet era stato arrestato da Baltasar Garzón, lo stesso che aveva processato Scilingo, la strategia è di screditare il giudice.
E qui Scilingo fa uno spettacolo patetico, fa uno sciopero della fame, entra in campo su una barella, come se dormisse.
Sono stato citato come testimone dal tribunale nazionale di Madrid.
Racconto che dal carcere di Carabanchel mi ha inviato lettere dove mi dà maggiori dettagli di quello che è successo. I giudici le guardano, si mettono le mani tra la testa, si guardano l’un l’altro, bisbigliano tra loro, chiamano Scilingo, Scilingo si avvicina alla cattedra del tribunale, gli mostrano le lettere, indicano la firma. Scilingo annuisce, Scilingo mi guarda, guarda in basso e dice: Sì, è proprio come ha appena detto il signor Verbitsky.
Fine della ritrattazione, il processo riprende, viene condannato a 600 anni di carcere …

Horacio Verbitsky, Care with the Dog: Chapter 5

Attualmente Scilingo è stato condannato a più di 1000 anni, irrevocabili. Eppure anche così, ha ottenuto flessibilità per la sua condanna e gode della libertà di camminare per le strade a condizione di dormire in un centro di reinserimento sociale. Varie organizzazioni per i diritti umani hanno espresso il loro ripudio.

Le foto declassificate dell’IACHR:
La carta d’identità di María Cristina Cámpora, figlia di Juan Carlos Cámpora, scomparsa nel 1977 per mano del terrorismo di stato. Secondo il racconto di Rey Piuma, si presume che i militanti scomparsi avessero documenti di identificazione dei parenti, per questo motivo i documenti di Maria Cristina compaiono negli archivi.

La cartella completa con le fotografie è consultabile in http://sitiosdememoria.uy/recurso/266

Fonti: http://www.infojusnoticias.gov.ar/ / “El Vuelo” Horacio Verbitsky

Apparso su https://bresciaanticapitalista.com/2020/01/30/compaiono-foto-inedite-dei-voli-della-morte-argentini-durante-la-dittatura-militare/