Moro, la dietrologia di regime e la storia che non si può dire

MORO. PERSICHETTI: PROBLEMA NON SONO IO, MA LA DIETROLOGIA DEL PD

(fonte DIRE)

Convegno MoroRoma, 10 mag. – La presenza di Paolo Persichetti troppo ingombrante per i familiari delle vittime degli anni di piombo? L’ex terrorista, oggi saggista e giornalista, avrebbe dovuto partecipare giovedì al seminario su «Il Caso Moro. Voltare pagina si può». Patrocinato dalla Camera dei deputati, l’incontro era in programma a Palazzo San Macuto, con ben nove relatori, Persichetti tra questi. Ma non ci sarà nessun seminario: annullato, o meglio rinviato a data sine die. «E’ una cosa molto grave ma non perché la cosa riguardi me», spiega alla Dire il giornalista, con un passato ormai lontano nell’Unione dei Comunisti Combattenti e una condanna per concorso morale nell’omicidio del generale Licio Giorgieri. A far calare il ‘non expedit’ sul convegno sarebbe stato il Pd. Il condizionale è d’obbligo perché la linea ufficiale del Nazareno parla di «rinvio causa assenze». Persichetti ricostruisce diversamente i fatti: «Due rappresentanti dell’associazione familiari delle vittime avevano deciso di non partecipare alla tavola rotonda, che si sarebbe dovuta tenere nel pomeriggio, a causa della presenza di Oreste Scalzone. Quando Scalzone è venuto a conoscenza di questa cosa ha ritirato la sua partecipazione alla tavola rotonda, che a quel punto è stata annullata, visto che venivano meno alcuni protagonisti dell’incontro. Ma questo riguardava l’evento del pomeriggio. Mentre rimaneva in ogni caso in piedi tutta la mattinata, il seminario vero e proprio che affrontava in chiave scientifica la ormai sterminata letteratura sul caso Moro. Ma è proprio la parte storiografica che non è andata a genio al Pd. E’ lì che è saltato il seminario», osserva Persichetti. Fabio LAVAGNO, il deputato dem membro della commissione Moro che ha organizzato l’evento, avrebbe subito pressioni dai piani alti per indurlo a rinviare l’evento in toto. LAVAGNO non conferma. Ma in ogni caso circolano voci che lo danno dimissionario dalla commissione stessa. Sintomo di dissenso piuttosto evidente. Persichetti ricorda che «tutte le relazioni al seminario avevano in comune un approccio anti-dietrologico. La ricchezza del convegno consisteva nel fatto che metteva a confronto voci diverse, compresa quella di un generale, ma tutte concordi nel sostenere che bisogna farla finita con la teoria del complotto e bisogna invece ripristinare una metodologia storica. Evidentemente questo non e’ ancora possibile in Italia».

(SEGUE) (Rai/ Dire) 20:51 10-05-16 NNNN

Annunci

Il bavaglio alla storia, annullato il convegno sul sequestro Moro

Convegno MoroNon si terrà più il convegno previsto il prossimo 12 maggio 2016 presso la Sala del Refettorio di Palazzo San Macuto (Camera dei Deputati) dal titolo “Il Caso Moro: la politica, la ricerca, la storia. Voltare pagina si può” (vedi locandina qui accanto).
Ne danno notizia in un secco comunicato, che potete leggere qui sotto, tre dei relatori che avrebbero dovuto prendere la parola.
La gioranta di lavori storici era stata organizzata da Fabio Lavagno, deputato del Partito Democratico e membro non omologato alle tesi complottiste dell’attuale Commissione bicamerale di inchiesta sul caso Moro.
Nel comunicato di presentazione della iniziativa diffuso nei giorni scorsi, ed oggi non più reperibile sul sito dello stesso Lavagno (http://www.fabiolavagno.it/blog/archives/10408), si poteva leggere «a quasi quattro decenni dal rapimento e l’uccisione del presidente democristiano e della sua scorta da parte di molti si sente la necessità di storicizzare quegli avvenimenti, collocandoli nel loro contesto di scontro politico, sociale e generazionale, che segnò l’Italia negli anni Settanta e Ottanta. Studiosi provenienti dall’Italia e dall’estero che da molti anni si occupano della vicenda (Elisa Santalena, Nicola Lofoco Monica Lanzoni, Paolo Persichetti, Vladimiro Satta, Gianremo Armeni, Luciano Seno, Pino Casamassima e Marco Clementi), ne analizzeranno vari aspetti, dalle fonti disponibili alla metodologia della ricerca, dall’origine della dietrologia alla posizione dei partiti durante la crisi, fino ad aspetti ancora poco indagati ma non meno importanti, come le conseguenze del caso Moro sul sistema carcerario italiano e le esperienze di altri paesi per uscire dall’emergenza»
Dopo una sessione di discussione sulle relazioni tenute nel corso della mattinata era prevista anche una tavola rotonda moderata da Massimo Bordin di radio radicale sul tema «Voltare pagina si può», a cui avrebbero preso parte Oreste Scalzone, esponente dei movimenti degli anni 70, il presidente della Casa della Memoria 28 maggio 1974 Manlio Milani, il presidente della commissione riforme del CSM Piergiorgio Morosini, il generale dei Carabinieri Giampaolo Sechi, il presidente dell’associazione caduti di via Fani Giovanni Ricci e Annachiara Valle di Famiglia Cristiana.

Il comunicato

Pressioni politiche hanno messo l’organizzazione del convegno “Aldo Moro: la ricerca, la politica, la storia, nella condizione di rinviare sine die l’iniziativa. Questa situazione si ripete con regolarità quando si presentano possibilità di confronto pubblico che non sia irregimentato in stringenti letture monocromatiche del passato. Noi crediamo che quattro decenni costituiscano un tempo più che sufficiente per uscire dalla logica emergenziale e perché la parola su quegli anni passi finalmente alla storia. Crediamo, anche, che le istituzioni debbano togliere la propria tutela etica su un periodo che non è figlio illegittimo della storia italiana.

Marco Clementi
Paolo Persichetti
Elisa Santalena